NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L’intermediazione assicurativa a misura di serenità - Tel. +39 0175 46513

Consigli Attestato del rischio

L'attestato di rischio è il documento che indica il numero dei sinistri denunciati negli ultimi cinque anni e la classe di merito a cui deve essere assegnato l'assicurato per l'anno successivo: è rilasciato dalla compagnia al contraente in occasione di ogni scadenza del contratto.

Oltre a ciò, l'attestato di rischio deve contenere:

  • la denominazione dell'assicuratore
  • il nome del contraente
  • il numero del contratto
  • la formula tariffaria
  • la data di scadenza della polizza
  • la firma dell'assicuratore

I sinistri sono sia quelli denunciati e pagati dall'assicurazione sia quelli posti a riserva quelli cioè non ancora pagati. Qualora poi un sinistro posto a riserva non abbia alcun seguito e, quindi, la compagnia non abbia pagato alcunché, per l'anno successivo l'assicurato dovrà essere assegnato alla classe di merito cui avrebbe avuto diritto se il sinistro non fosse avvenuto, restituendogli anche la differenza di premio pagata in più.
L'attestato di rischio deve essere rilasciato dall'assicuratore in occasione di ciascuna scadenza annuale, mettendolo a disposizione del contraente presso l'agenzia almeno 3 giorni non festivi prima di quello di scadenza della polizza.

Nel caso di polizze vendute a distanza, vale a dire via internet o telefono, senza tacito rinnovo, l'impresa è tenuta ad inviare l'attestato di rischio al domicilio indicato dal contraente e ciò anche in caso di assenza di esplicita richiesta dell'interessato.
L'attestato di rischio conserva validità per 3 mesi: ciò significa che l'assicurato dovrà stipulare un nuovo contratto d'assicurazione entro 3 mesi dal rilascio per poter godere della classe di merito maturata. Tuttavia decorso questo periodo di tempo, l'assicurato può, sino al termine massimo di un anno dalla scadenza del precedente contratto, mantenere la classe di merito acquisita purchè dichiari di non aver circolato nel periodo successivo alla scadenza del precedente contratto.

In caso contrario o se la stipula avviene dopo più di un anno dalla scadenza , il contratto sarà assegnato alla classe di ingresso prevista dalla compagnia.

Vademecum contro le truffe assicurative

1) Se la Compagnia assicuratrice si rifiuta di stipulare la polizza Rc auto: denunciare l'accaduto a: Ania - Isvap - Autorità Antitrust, e per conoscenza alla Compagnia interessata e all'Agente, chiedendo sanzioni amministrative a carico del soggetto.

2) Se viene richiesta per la stipula della Polizza Rc auto la contemporanea stipula di altra polizza aggiuntiva (tranne che non si tratti di accedere a convenzione in cui il fatto sia esplicitamente previsto nelle condizioni generali): denunciare l'accaduto alle Forze di Polizia e all'Autorità Giudiziaria essendoci elementi per procedere per il reato di tentata estorsione (possibilmente non allarmare il soggetto dichiarandosi astrattamente disponibili ad accedere alla richiesta in modo da non compromettere il corso delle indagini).

3) Se viene proposta una tariffa particolarmente scontata in cambio di un "sotto banco": denunciare l'accaduto alle Forze di Polizia e all'Autorità Giudiziaria essendoci elementi per il reato di truffa in danno della Compagnia, falso ed altri possibili reati anche in danno dell'assicurato che potrebbe trovarsi, in caso di incidente, senza una reale copertura assicurativa.

4) Se viene offerta una classe di merito più bassa di quella effettiva: rifiutare la proposta e denunciare il fatto alla Direzione della Compagnia, alle Forze di Polizia e all'Autorità Giudiziaria in quanto è presumibile che l'assicuratore si avvalga di falsi attestati di rischio consumando una truffa in danno della Compagnia e un falso in scrittura privata.
5) Se in costanza di blocco delle tariffe (valevole per l'anno in corso e solo se non si cambia Compagnia), viene chiesto un prezzo maggiore di quello pagato lo scorso anno: denunciare il fatto alle Forze di Polizia e all'Autorità Giudiziaria e, per conoscenza, all'Ania e a11'Isvap, d presumibile un reato di tentata truffa in danno dell'assicurato. N.B. nel decreto-legge 28 marzo 2000, n.70 ("blocco tariffe" ndr) l'art.5 recita che "cessati gli effetti delle disposizioni... ...in caso di incrementi tariffari (proposti successivamente dalle compagnie,ndr) ...superiori al tasso programmato di inflazione, l'assicurato può risolvere il contratto mediante semplice comunicazione (anche successivamente alla scadenza in questo caso non si applica all'assicurato il termine di tolleranza previsto dall'atr.1901, 2comma, c.c.-15 giorni,ndr-).

6) Se la Compagnia notifica lo scatto di due classi del Bonus/Malus per un incidente che non è mai avvenuto prima della sentenza del Giudice di Pace di condanna al risarcimento: denunciare l'inesistenza del sinistro alle Forze di Polizia e, con la ricevuta della denuncia, richiedere alla Compagnia l'annullamento dell'au- mento di classe sino alla determinazione del giudice (già alcune Conpagnie automaticamente accettano tale richiesta).
7) Nel caso precedente appare opportuno seguire direttamente la fase del giudizio innanzi al Giudice di Pace fornendo ai legali della Compagnia eventuali testimonianze a favore della tesi difensiva che possano con- futare la presenza dell'autovettura nel luogo indicato del sinistro.

8) Denunciare alle Direzioni delle Compagnie, all'Ania e all'Isvap atteggiamenti sconvenienti o provocatori dei periti o dei liquidatori che sot- tendano come il sinistro in toto, o l'entità del risarcimento richiesto, siano da sottostimare perchè "tanto sono tutte truffe". Si consiglia di non "oscurare" il contrassegno di assicurazione per evitare tentativi di truffa: tale condotta, infatti, è contraria al codice della strada (art.181)che commina sanzioni amministrative fino a lire 150.000 per mancata esposizione.

Per la richiesta di un duplicato dell'attestato di rischio.

Alcuni riferimenti:

- ANIA Via della Frezza, 70 - 00186 Roma

- Isvap (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni private) Via del Quirinale, 21 - O0187 Roma

- ANTIRUST Via Liguria. 26 - 00187 Roma

 

 

0
0
0
s2smodern