Quasi 3 americani su 10 hanno perso la copertura assicurativa sanitaria nel 2020 e più della metà non ha acquistato una nuova copertura e resta senza assicurazione nel 2021 secondo lo studio sull’Healthcare realizzato da ValuePenguin.com (sito web di finanza personale, ricerche e analisi).

L’indagine condotta su oltre 2000 americani, ha anche rilevato che il 45% di cittadini che hanno acquistato un’assicurazione sanitaria sono rimasti sorpresi dagli alti costi delle loro nuove polizze e molti desiderano cambiamenti consistenti.

Il 29% per cento degli americani ha perso la copertura assicurativa sanitaria nel 2020. La perdita della copertura assicurativa sanitaria è stata molto alta tra la Generazione Z (51%) e i Millennial (36%) americani.

Il 47% degli intervistati ha perso la copertura assicurativa dopo un licenziamento. La ragione principale per cui così tanti americani non hanno ancora una copertura assicurativa sanitaria è il costo. Tra chi ancora non ha la copertura sanitaria, il 42% ha dichiarato di non poterla pagare, mentre il 31% ha affermato di avere altre spese a cui dare la priorità. Le donne (51%) più degli uomini (34%) dicono di non potersi permettere di pagare le polizze di assicurazione sanitaria.

1 americano su 3 chiede importanti cambiamenti al mercato assicurativo sanitario. Il 38% di utilizzatori ritengono che non ci sufficienti opzioni nel mercato delle assicurazioni sanitarie, mentre il 33% ritiene invece che le opzioni siano troppe.

Il 59% del campione desidera poter avere a disposizione un’ampia possibilità di scelta, mentre il 29% che invece preferirebbe un’unica soluzione.

Secondo Sterling Price, esperto di Health Insurance di ValuePenguin.com, “da quanto emerge, l’acquisto di un’assicurazione sanitaria individuale può essere un percorso complicato per molti americani. Conoscere alcune nozioni di base e sapere cosa cercare è ciò che permette di facilitare il processo di acquisto”.